[ primo quarto di san lorenzo ]

sarebbe opportuno zittire questa cicala

inopportuna alle quattro di notte

pochi minuti prima del sonno e della nuova luce

e chiudere le imposte a chiave

che nessuno entri a svegliare

il telefono scordato la corda della tenda accorciata

il vento che s’indesidera .

ma la notte non è meschina

e sempre porta risvolti

di maghi in ombra di buio

e di cornucopie dimenticate

da altri. che s’appropriano del sonno

e nel sogno diventano mie.

il palpitare dell’alba converge altrove

le mie reiterate assenze

il gesto della mano allontanarla

nel non so del risveglio

pochi attimi prima

dell’irrimediabile.

Annunci

4 risposte a “

  1. “cigarra” e’ il nome spagnolo
    della cicala, che con il suo fumo
    avvolge parte della notte..
    con il suo frinire ricorda il
    tinnire di serrature ed imposte
    in attesa di essere aperte,
    esse stesse sogni senza combinazione, che le dita
    cercano di stuprare, al sorgere
    di ogni nostra alba,
    prima che il sole
    ci denudi nella verita’…

  2. nooo come zittire la cicala??
    a me proprio rumorini così fanno addormentare beata 🙂

    bellissimo ‘cigarra’,non sapevo..
    vorrei avere anch’io una corda per le tende*

  3. la cigarra si zittisce con una canzone
    più triste e più pigra della sua
    un canto hondo
    che l’avvilisca
    e le arrossi le gote.
    La cigarra è introspezione
    segnalibro
    segnastagione
    e stasi.
    La si può fumare solo da soli.

  4. ..vorrei regalarti una corda per le tende….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...