ho in mente una di quelle frasi che chiamano.

come

“questa libertà povera che va di scoglio in scoglio”.

dove lo scoglio è una realtà fissa su base mutevole

ed il vento non ha voce

che articoli alcunché.

quei messaggi irrituali criptati

che solo parlano al corno di Ammone.

perché la memoria è un’arte

povera.

parlando del mare si descrive un orizzonte

quella linea che è una parola

distesa, a segnare un cerchio.

la mia finestra è una opzione

irrinunciabile

che mi contiene.

mi sopravviverà rendendomi immortale.

 

 

Annunci

Una risposta a “

  1. Quando vedrai la scritta un commento dirai
    -Ah,un commento!!!!-
    Ma poi quando lo leggerai penserai che non è poi un gran che.
    Ho commentato il tuo blog perchè mi piace molto e anche perchè secondo me è giusto venire gratificati pe il lavoro che si fa,anche se è solo per noi stessi.
    Ciao e buona fortuna col tuo blog.^^

    http://www.yumworld.splinder.com è l’indirizzo del mio blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...