ho paura della quiete
del petalo appassito
del giglio nel bicchiere
del limone squartato.
lanterna  sfaccetta notte
il mare s’inquieta
dondola pesci e alture.
sul cuore le mani
l’aria da bere e il vino
o altro sangue.
 
scioglie la luna la riserva
e condanna.
 
sul bordo dei rimorsi
stanno fiumi che sciolgono.
vagabondi i gabbiani
portano l’anima del mare
per terre di granai
s’adattano alla folla
dei vestiti senz’ali
alla discarica del sentimento.
Vita Vita Vita, gridava  dalla culla

la piccola carne rossa.
 
 

  
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...