[ Albert and the wolf ]

 
"Dio non giocava a dadi"
e invece si.
il taglio del gradino, l'imperfezione
lodevole del trabucco, la sua pesca
paziente indifferente lignea
lo strortarsi delle sue rame all'umido
d'un mare fangoso, margiallo nostro
che acceca pesci e acume.
le orme smaccate, le salsedini
e l'andare di lettere d'amore
per i pendii come aquiloni
allo sbando

  
 
oppure  (per altre acque)

le tre sponde dello Stige
acclamavano genti
declamavano
o declinavano
poesie in continenti
d'amore.
c'era nell'aria
un volo di dadi
e la mano di Dio

  

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...