resta ogni estate quel fiducioso stare della terra
zolla arroventata e scura, tragitto all’ostinarsi
di formiche e semi in fuga, matrigna
d’una sepoltura, mano che prende
il tuo passo come
scrivere un  foglio col dna
e schiaccia i poli
per far entrare il vento
 

 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...