ci portiamo i nostri mezzoggiorni
come fatiche
già spese.

l’inferocirsi del sole
lo stringersi dell’erbe
polvere dalle zolle
e il fiato della serpe
nascosta.

nel cuore la pioggia,
l’aprirsi di un cielo vorace
che tutto rende, poi. 
 
 
 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...