[  le cose che vedesti  ]
 
  

timida timida
entra la notte.
ha pertugi lunari
oscuri e talvolta
marini, la notte.
un tavolo scarno
la seggiola al muro
e soprattutto il latte
sulle cose visibili.
d'invisibile c'è
il colore che sussurra
illusionista, la voce
lunga del pino che striscia
l'ombra sui terrazzi.
ma sempre lo sguardo
s'abbaglia di spazi
che portano i tuoi occhi.
 
 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...