Il gatto di Roberto

 

uscì da sotto i ferri

vide una luce impropria:

” ancora? ancora questa guerra

quest’inagibile quotidianità

questo dolore per l’immortalità

d’un Dio malato? Allora

mi ridia anestesia, farabutto

dottore: scelgo il sonno migliore.”

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...