ma, tanto per dire,

su questa luna gialla dove non abiti

sbilenca come affondasse

e sopra al respiro di tutte le estati

che ti portano come un odore

come una serpe disattenta

come una cicala notturna

a discriminare i capelli come

raggi rugginosi marziani

sull’acqua che si solleva

e poi si abbassa per andare,

ma, dicevo, solo per ipotesi

tu potessi avere le soluzioni all’odio

all’invidia dei mediocri, al declino dei migliori

potessi ragionevolmente mutare

le condizioni del passato

come riscriveresti, e con quali caratteri,

la parola fine?

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...