ci sono mancamenti nel cuore della notte.

parlarti e poi realizzare la distanza in migliaia di km

e la tua faccia divelta, quel sussurrare trasmesso

a forme plastiche lunari iperlucide

come tu avessi il dono dell’etereo, come se

al di fuori del corpo avessi la luce ubiqua

della tua tenerezza. trasmettere

attraverso la pioggia a vento e tratto per tratto

l’immagine del tuo viso dietro il vetro, le gocce

come sopra le foglie giganti di giardini dal cui verde

escono i tuoi occhi nel Borneo, come se

fossero assoluti e lo sono, deificati da quel destino

che ci oppose  nel limoneto dei nostri 20 anni

    

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...