[ garganiche ]

ora ti racconto del vivere.
si comincia con poco
un sacchetto di ricordi
come sassetti di Vignanotica.
poi si scrive la parola
pensiero, e poi la si pensa.
guardiamo ora le mani
improvvisamente assetate.
nel dermatoglifo quasi nulla
è cambiato eppure non siamo noi.
qualcuno, qualcosa
ci ha disseccato
traducendoci in esperanto.
vana ogni ricerca
tranne che per frammenti
disseminati in cassetti e
dirottati in soffitte da trasloco
multiple e vaghe. la maggior parte
perdute.
si finisce non si sa come
ne esattamente perché,
in un lungo lampo azzurro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...